Bosch Energy and Building Solutions Italy

AVIOTEC di Bosch: rilevare fumo e fuoco con la video analisi

Soluzioni

Probabilmente ogni vigile del fuoco ha il suo incubo. Per molti di loro i grandi edifici con molte persone o con enormi carichi di fuoco giocano un ruolo importante. La ragione è semplice: in questi ambienti ci sono poche possibilità di rilevamento automatico e quindi il fuoco è spesso molto avanzato prima dell'arrivo dei soccorritori sul luogo dell'incendio.

Nella maggior parte dei casi, la rivelazione del fumo è considerata un'opzione affidabile per la rivelazione precoce dell'incendio, in quanto il fumo viene solitamente generato prima che una fiamma diventi visibile. I rivelatori di fumo a punti, lineari o ad aspirazione possono essere utilizzati per la rilevazione, ma a tal fine il fumo deve raggiungerli in concentrazione sufficiente. In edifici spaziosi e soprattutto in quelli con soffitti alti, tuttavia, i rivelatori sono generalmente lontani dalla fonte di fumo. Inoltre, a causa del grande volume dell'edificio, il fumo viene fortemente diluito. Un incendio incipiente può quindi spesso non produrre abbastanza fumo da poter essere rilevato, oppure non genera una portanza sufficiente per raggiungere la posizione del rilevatore.

Inoltre, i rivelatori convenzionali possono sporcarsi nel tempo, riducendo la sensibilità e aumentando la probabilità di falsi allarmi. Essi devono quindi essere puliti regolarmente, il che, oltre a essere difficoltoso, comporta costi elevati. Talvolta può essere necessario sostituire le batterie, anche se i rivelatori di alta qualità di solito sono forniti con batterie di lunga durata. Anche in ambienti polverosi e umidi, la consolidata tecnologia di rivelazione incendi rende molto difficile garantire una rivelazione tempestiva e affidabile con il minor numero possibile di falsi allarmi.

AVIOTEC

Nelle stazioni ferroviarie o negli aeroporti (hangar), le dimensioni e l'altezza dei padiglioni rendono difficile l'uso di rivelatori ottici lineari con i rivelatori convenzionali e di persone, macchine o veicoli in movimento. In ambienti così esigenti e difficili, così come in edifici di grandi dimensioni, le tecnologie basate su video consentono un rilevamento precoce e un'allerta molto più affidabile rispetto ai rivelatori convenzionali, che dipendono sempre dal fumo che migra verso di loro. Nei sistemi video è sufficiente che il fumo o le fiamme entrino nel campo visivo del rivelatore, che rileva il fuoco direttamente alla fonte.

Algoritmi intelligenti con modelli di fuoco fisico o reti neurali elaborano l'immagine video e riconoscono la presenza di fumo nell'immagine attraverso le caratteristiche tipiche dei diversi incendi. In questo modo è possibile rilevare per tempo anche le varie immagini delle fiamme. Inoltre, questi sistemi sono a bassa manutenzione e non richiedono né batterie né alimentazione se azionati con Power over Ethernet (PoE).

Ideale per spazi di grandi dimensioni

Le tecnologie basate sul video possono migliorare significativamente il rilevamento precoce, specialmente in molte applicazioni industriali dove i padiglioni sono spesso alti. Sebbene i rivelatori ottici lineari possano essere utilizzati per ottenere un miglioramento rispetto ai rivelatori a soffitto, essi sono sensibili ai movimenti di persone o macchine nel loro campo di rilevamento. Inoltre, come i rivelatori a soffitto, sono suscettibili a falsi allarmi dovuti a polvere o umidità.

Le tecnologie basate sul video sono molto più veloci e affidabili e, grazie alla loro intelligenza, sono in grado di gestire bene anche le mutevoli luci di fondo. Inoltre, questi sistemi possono essere installati in modo molto più semplice e flessibile rispetto ai rilevatori a soffitto e richiedono solo una manutenzione minima. Possono anche visualizzare gli eventi che riportano, che possono essere utilizzati per ottimizzare la pianificazione dell'impiego. Queste caratteristiche rendono anche le tecnologie video-based particolarmente interessanti per la protezione delle infrastrutture critiche, come le centrali elettriche, dove un guasto completo avrebbe notevoli conseguenze sull'approvvigionamento della popolazione.

Il problema dei padiglioni alti si pone anche nella logistica. Soprattutto nei magazzini dove si raggiungono enormi carichi di fuoco. Anche in questo caso, i rilevatori a soffitto possono essere attivati solo dopo un lungo ritardo, mentre il video rileva fumo e fiamme in una fase iniziale. Inoltre, grazie all'ampia area di rilevamento, è necessario un numero significativamente inferiore di rivelatori. Infine, la soluzione di sicurezza nutilizzata per il rilevamento precoce degli incendi, può essere utilizzata anche per la videosorveglianza convenzionale.

Altri campi di applicazione per il rilevamento precoce di incendi basati su video sono i capannoni di grandi dimensioni, come quelli che si trovano nelle stazioni ferroviarie o negli aeroporti (hangar). Qui, le dimensioni e l'altezza dei padiglioni rendono difficile il rilevamento precoce con i rivelatori convenzionali e le persone in movimento, macchine o veicoli, nonché l'uso di rivelatori ottici lineari. Il rilevamento di incendi basato su video può essere facilmente installato in grandi sale e offre anche il vantaggio di visualizzare tutti gli eventi. Gli stessi vantaggi fanno si che questa tecnologia si adatti all'impiego nei grandi centri commerciali dove i soffitti sono alti e il carico d'incendio dovuto a merci e decorazioni è elevato. Come in un magazzino, questo tipo di rilevamento incendi può essere utilizzato anche per la videosorveglianza.

Ma i rivelatori convenzionali non possono essere problematici solo in edifici funzionali di grandi dimensioni. Se si pensa agli edifici protetti e ad altri beni culturali, ad esempio, i progettisti devono affrontare sfide completamente nuove. Oltre alla protezione antincendio, l'attenzione si concentra anche sull'aspetto estetico, che può essere compromesso da grandi rilevatori a soffitto. Inoltre, in particolare negli edifici più vecchi, spesso non ci sono aree accessibili o lo sono raramente, il che rende molto più difficile l'installazione e il funzionamento dei rivelatori d'incendio convenzionali. Il rilevamento di incendi basato su video, invece, può essere installato in genere in modo discreto e senza compromettere l'impressione visiva grazie al suo ampio campo visivo e può anche monitorare a distanza le aree inaccessibili. Può anche essere usato qui per la videosorveglianza.

Nella lavorazione delle materie prime, i nastri trasportatori, in particolare, presentano un elevato rischio di incendio, poiché possono surriscaldarsi sotto il carico di migliaia di tonnellate di materie prime. Il rischio particolare in questo caso è che molte materie prime siano facilmente infiammabili e un incendio incipiente può quindi diffondersi molto rapidamente. Inoltre, il trasporto tramite nastro può essere molto polveroso. Per questo motivo, un gruppo tedesco leader nel settore delle materie prime ha ampliato il concetto di protezione antincendio esistente per i suoi nastri trasportatori per includere il rilevamento video e ha anche integrato officine dove le scintille possono formarsi nel concetto. Un produttore nigeriano di materassi e altri prodotti in schiuma protegge allo stesso modo la sua produzione in tre stabilimenti, in quanto ha requisiti molto elevati per il rilevamento precoce del fuoco a causa dell'estremo carico di incendio causato da schiuma e poliuretani. L'obiettivo di rilevare gli incendi in meno di 30 secondi non è stato raggiunto con le tecniche di rilevazione convenzionali.

Stato della standardizzazione

Di norma, la rivelazione di incendi basata su video non è oggi utilizzata in modo isolato, ma come complemento alle soluzioni esistenti certificate EN-54, come gli impianti sprinkler e i rivelatori di fumo, per aumentare la velocità e l'affidabilità della rivelazione di incendi. Ad esempio, la norma EN-54 richiede il rilevamento entro 180 secondi, mentre le tecnologie basate sul video possono ridurre notevolmente questo tempo. In alcuni casi, questo può anche portare ad una situazione in cui ambienti particolarmente critici con un elevato carico di incendio possono essere coperti in modo molto più economico o addirittura in primo luogo.

Non esiste ancora una norma EN-54 per la rivelazione di incendi basata su video. Tuttavia, si tratta di un cosiddetto Active Work Item di ISO, e con FM3232 e UL268B esistono già degli standard per la rilevazione di incendi basata su video. AVIOTEC di Bosch è l'unico sistema approvato dalla VdS Schadenverhütung GmbH (VdS) come videocamera automatica per il monitoraggio visivo degli incendi. A questo scopo, VdS ha sviluppato una complessa procedura di test per la rivelazione di incendi basata su video che include le collaudate linee guida VdS 2203 "Requisiti per il software di protezione antincendio" e "Requisiti per la prova dei rivelatori di fiamma". In passato, le certificazioni VdS delle singole soluzioni sono state più di una volta il punto di partenza per la standardizzazione formale delle tecniche di rilevazione dei fumi, per cui ci si può aspettare una norma EN-54 anche qui in un futuro non troppo lontano.